Decreto Cura Italia: primi chiarimenti

Forniamo con questa circolare una prima, tempestiva informazione riguardo la messa in opera effettiva degli aiuti Statali per famiglie, imprese e lavoratori necessari per fronteggiare l’emergenza coronavirus. Lo Studio De Simone precisa con questa circolare quali sono i nuovi adempimenti tributari.

***Attenzione***

Al momento l’INPS non ha ancora previsto i dettagli delle procedure, ve li comunicheremo tempestivamente non appena saranno disponibili. Suggeriamo di procurarsi il PIN personale dell’INPS qualora non ne foste già in possesso.

Di seguito i punti principali del Decreto-legge n. 18/2020 entrato in vigore il 17/03/2020:

  1.  A sostegno delle FAMIGLIE CON PROLE, il Governo prevede le seguenti misure:

Lavoratori dipendenti con figli entro i 12 anni

Diritto a max 15 giorni di congedo per restare con i figli quando le scuole sono chiuse per coronavirus.
Retribuzione al 50% + versamento contributi pensione. (Possibile richiedere “bonus” babysitter max 600€ per dipendenti e autonomi)

Lavoratori dipendenti con figli tra i 12 e 16 anni

Diritto a congedo non retribuito finché le scuole restano chiuse, niente versamento contributi.
Divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Lavoratori autonomi con figli entro i 12 anni

Indennità giornaliera pari alla metà dell’indennità di maternità (per chi è in “gestione separata”), e pari al 50% della retribuzione convenzionale giornaliera stabilita
per legge in base alla tipologia di lavoro (per iscritti INPS). (Possibile richiedere “bonus” babysitter max 600€ per dipendenti e autonomi iscritti e non all’INPS)

2) A sostegno dei lavoratori a PARTITA IVA E CO.CO.CO.:

Per i lavoratori autonomi con partita iva attivata almeno dal 23/2/2020, iscritti alla Gestione separata Inps, per i Co.Co.Co iscritti alla Gestione separata e per le partite iva iscritte alle gestioni speciali dell’Ago, il decreto prevede un’indennità per il mese di marzo di 600€, l’indennità sarà erogata dall’INPS.

I collaboratori sportivi di federazioni sportive nazionali, di enti di promozione sportiva, di società/associazioni sportive dilettantistiche già costituite al 23/02/2020 saranno indennizzati con l’importo di 600€.

Essi dovranno presentare una domanda, unitamente ad un autocertificazione alla società “Sport e Salute s.p.a.” ( da verificare sul sito del CONI)

3) A sostegno dei LAVORATORI STAGIONALI DEL TURISMO e degli STABILIMENTI TERMALI:

Indennità di 600€ per il mese di marzo nel caso di cessazione involontaria del rapporto di lavoro nel periodo che va
dal 1/1/2019 al 17/3/2020. L’indennità erogata dall’INPS, previa domanda

Le indennità citate nei punti 2) e 3) non sono cumulabili e non ne possono usufruire i percettori del “reddito cittadinanza”.

....

 

Pubblicata il
18/03/2020
Downloads 36