Studio De Simone: consulenza del lavoro in Milano.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Circolari e novità Circolari e novità fiscali e lavoro
Circolari e novità fiscali e lavoro

In questa sezione troverete alcune delle normative più richieste e attuali in materia fiscale e del lavoro.

DocumentsDate added

Order by : Name | Date | Hits [ Ascendant ]

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che recentemente UNIONCAMERE e Agenzia per l’Italia Digitale ha annunciato la messa a disposizione del servizio base di fatturazione elettronica dedicato alle PMI. A partire dallo scorso 06.06.2014, tutte le Pubbliche Amministrazioni centrali sono obbligate a ricevere fatture esclusivamente in formato elettronico: a fronte dell’estensione, a partire da aprile 2015, dell’obbligo a tutte le pubbliche amministrazioni, è stato realizzato un servizio di fatturazione elettronica guidata per le imprese di minori dimensioni. Il servizio online è accessibile tramite la Carta Nazionale dei Servizi, strumento previsto dal CAD per l’accesso telematico ai servizi forniti dalla pubblica amministrazione: una volta effettuato l’accesso, l’interessato dovrà compilare il documento contabile, individuare la pubblica amministrazione destinataria, apporre la firma digitale, inviare e conservare il documento. Si deve precisare che il servizio è completamente gratuito, e lo strumento è stato elaborato principalmente per le piccole e medie imprese.

Gentile cliente, con la presente intendiamo informarla che a partire dal prossimo 01.10.2014 entrano in vigore le modifiche apportate, dal DL n. 66 del 24.04.2014 (convertito con legge n. 89 del 23.06.2014), alle disposizioni in materia di presentazione del modello F24 (modello obbligatoriamente telematico, dal 1° gennaio 2007, per i soli soggetti IVA). Nel dettaglio, vengono introdotte alcune innovazioni che riducono notevolmente le ipotesi di presentazione del modello F24 cartaceo: tutti i contribuenti dovranno presentare il modello F24 con modalità telematiche, in quanto la presentazione in forma cartacea viene circoscritta, per i non titolari di partita Iva, alle ipotesi di importi fino a 1.000 euro. Anche nelle ipotesi di compensazione, i contribuenti (titolari e non di partita Iva) saranno tenuti, a far data dal 01.10.2014, a presentare il modello F24 con modalità telematiche, i) sia nel caso in cui il saldo finale sia pari a zero; ii) sia nel caso in cui il saldo finale sia positivo. Le nuove regole, che, come già detto, entreranno in vigore a partire dal prossimo 01.10.2014, si aggiungono alle altre vigenti in tema di compensazioni.

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che a partire dal 6 giugno 2014 è diventato applicabile l’obbligo di emissione della fattura elettronica nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni ai sensi dell’articolo 1, commi 209-2014 della legge n. 244/2007. L’adempimento risulta particolarmente importante, soprattutto se si considera che trascorsi 3 mesi dalla predetta data le pubbliche amministrazioni non possono procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino all’invio delle fatture in formato elettronico. L’obbligo riguarda solamente alcune delle pubbliche amministrazioni, ma verrà esteso a tutte le pubbliche amministrazioni entro il prossimo 31.03.2015 (termine anticipato dal DL n. 66/2014, visto che le previsione originaria prevedeva la data del 06.06.2015) Con la presente trattazione analizziamo nel dettaglio alcuni dei chiarimenti più rilevanti forniti dal MEF sull’argomento.

Gentile cliente, con la presente invitiamo tutti coloro che sono obbligati alla presentazione del modello Unico PF/2014 di leggere attentamente la presente informativa, individuando i punti di proprio interesse al fine di far pervenire allo studio, entro e non oltre il 31 maggio, tutta la documentazione necessaria alla stesura del modello. 

file icon TASI: Primo versamentohot!Tooltip 05/19/2014 Hits: 1553

Gentile cliente, con la presente desideriamo informarLa che il legislatore, con la legge n. 68 del 02.05.2014 (di conversione del DL n. 16 del 06.03.2014), ha riscritto le regole di versamento della TASI, prevedendone il pagamento in due rate entro il 16 giugno ed il 16 dicembre 2014. Si deve segnalare che il versamento dell’imposta di giugno (visto l’approssimarsi del termine) deve essere effettuato anche qualora il comune in cui è ubicato l’immobile non abbia pubblicato la delibera di fissazione sul sito www.finanze.it (fatta eccezione per le abitazioni principali, il cui versamento in tale ipotesi viene prorogato al 16.12). In tal caso, il contribuente sarà tenuto ad adottare l’aliquota pari al 1 per mille. Si rammenta che il tributo TASI si aggiunge all’importo dovuto a titolo di IMU ed il presupposto impositivo è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati (compresa l’abitazione principale) e di aree fabbricabili, mentre ne rimangono esclusi i terreni agricoli. Si rammenta, inoltre, che per l’unità immobiliare occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale, sia all’occupante che al titolare del diritto reale corrisponde un’autonoma obbligazione tributaria. In capo all’occupante la TASI è stabilita dal Comune nella misura compresa fra il 10% ed il 30% dell’ammontare complessivo, mentre il residuo è dovuto dal titolare del diritto reale.

Pagina 2 di 8

Sito realizzato da :Web2e
http://www.studiodesimoneonline.it
di Simona De Simone- Largo Promessi Sposi 2 - 20142  Milano
PIVA 03403080967